+39 0571 1820540 info@domo25.com

Camerette per ragazzi: Le 5 regole fondamentali

STUDIO DELL' AMBIENTE

Sia che vi serva la camera completa, sia che cerchiate solo un letto, l’armadio o un nuovo angolo studio, per evitare brutte sorprese serve avere bene in mente come è fatta la stanza: la posizione di porte finestre, termosifoni, le relative misure e posizioni. Tutto questo ci serve a studiare i percorsi o a calcolare lo spazio da dedicare al gioco o alle altre attività dei ragazzi.

A volte può sembrarvi superfluo, soprattutto se la vostra idea è che vi serve “solo” un letto, ma nel tempo vi renderete conto di quanto invece questa fase sia preziosa. Ricordatevi che noi non conosciamo la vostra casa e il nostro aiuto sarà più efficace se potremo collaborare insieme per una migliore qualità del risultato finale.

Se preferite possiamo venire a casa vostra senza impegno per un sopralluogo: potremo così darvi dei consigli specifici e avrete la certezza di fare la scelta giusta.

 

LA CAMERETTA A MISURA DI BAMBINO

Le misure della stanza servono a poco se non le rapportiamo a chi la abita. Quanti anni hanno i vostri figli? Che sport praticano? Quali sono le loro passioni, o il colore preferito?

Fate in modo che una stanza qualsiasi diventi davvero la “sua” cameretta, il suo regno.

Per arrivare al risultato abbiamo creato un team di esperti a vostra disposizione: parlateci dei vostri figli e vi aiuteremo a renderli felici.

 

COLORI E MATERIALI

Risolto il cosa, il come e il dove, rimane da capire quale materiale o che colore scegliere per armadio, letto e pareti.

Se avete le idee chiare potete passare al punto successivo; altrimenti preparatevi ad affrontare montagne di campioni e arcobaleni di colori! Se le uniche indicazioni che vi daranno sono nomi di fantasia e termini tecnici ecco che rischiate di andare ad intuito.

 

Come materiali, le scelte più comuni sono:

  • Il laminato, disponibile in diverse tonalità di colore e anche con texture effetto legno. È pratico, facile da pulire e con buon rapporto qualità/prezzo. Per la salute dei vostri figli verificate che i pannelli siano almeno in classe E1 a bassa emissione di formaldeide; se ci tenete al rispetto dell’ambiente chiedete anche che abbiano il marchio ”pannello ecologico”.
  • Il laccato permette di ampliare la scelta di colori disponibili e può essere scelto liscio, venato, opaco o lucido. È possibile laccare sia le superfici in legno che quelle in laminato. Ideale per personalizzare cassetti, mensole e testate dei letti.

 

Ci sono anche dei materiali sconsigliati:

  • il vetro, perché pericoloso.
  • Il laccato lucido si graffia facilmente.
  • Se avete un piccolo artista che scrive dappertutto, ricordatevi che il legno vero trattiene il colore nei pori e rimane macchiato.
  • Infine, i tessuti nascondono gli acari (fastidiosi soprattutto per chi ha problemi di allergia), mentre l’ecopelle può essere una valida alternativa perché si spolvera e pulisce facilmente.

 

Fra i colori, il bianco è un must! Nelle camerette di solito si usa opaco o venato, da abbinare a piacere con qualsiasi altro colore o tonalità di legno. I colori scuri vanno bene per i dettagli soprattutto per la stanza dei teenager, mentre per la cameretta fino agli  8-10 anni si utilizzano toni più vivaci come arancio, verde, rosso e giallo.

Se però volete che la cameretta duri nel tempo non eccedete: gli accostamenti più sobri non passano mai di moda e così non rischierete di sentirvi dire da vostro figlio, dopo pochi anni, qualcosa del tipo: “La cameretta non mi piace, me la cambi?”.

PER ESSERE TRENDY

Camuflage, shabby, industrial… anche nella cameretta troviamo le tendenze del momento.

Questi tipi di decorazione o comunque gli stili più particolari sono solitamente destinate alle camerette una volta che diventano definitive, quando cioè il gusto dei figli è già formato e sufficientemente stabile. Se invece la scelta di uno stile particolare è un desiderio di voi genitori, mettete in preventivo la possibilità che i vostri figli vi chiedano di cambiarlo, in seguito.

Quando lo stile è più semplice e il carattere della cameretta è dato da tocchi di colore, si rischia decisamente meno. Avete utilizzato pannelli color ottanio, viola, lilla, verde muschio, senape? Siete tifosi dell’Empoli e avete scelto l’azzurro? Tranquilli, se fra qualche anno servisse un cambio di stile (per vostro ripensamento o per richiesta del figlio!) basterà coprire il colore o il motivo da cambiare, laccando di un colore diverso quei punti.

Se avete le idee chiare potete passare al punto successivo; altrimenti preparatevi ad affrontare montagne di campioni e arcobaleni di colori! Se le uniche indicazioni che vi daranno sono nomi di fantasia e termini tecnici ecco che rischiate di andare ad intuito.

 

Come materiali, le scelte più comuni sono:

  • Il laminato, disponibile in diverse tonalità di colore e anche con texture effetto legno. È pratico, facile da pulire e con buon rapporto qualità/prezzo. Per la salute dei vostri figli verificate che i pannelli siano almeno in classe E1 a bassa emissione di formaldeide; se ci tenete al rispetto dell’ambiente chiedete anche che abbiano il marchio ”pannello ecologico”.
  • Il laccato permette di ampliare la scelta di colori disponibili e può essere scelto liscio, venato, opaco o lucido. È possibile laccare sia le superfici in legno che quelle in laminato. Ideale per personalizzare cassetti, mensole e testate dei letti.

 

Ci sono anche dei materiali sconsigliati:

  • il vetro, perché pericoloso.
  • Il laccato lucido si graffia facilmente.
  • Se avete un piccolo artista che scrive dappertutto, ricordatevi che il legno vero trattiene il colore nei pori e rimane macchiato.
  • Infine, i tessuti nascondono gli acari (fastidiosi soprattutto per chi ha problemi di allergia), mentre l’ecopelle può essere una valida alternativa perché si spolvera e pulisce facilmente.

 

 

Fra i colori, il bianco è un must! Nelle camerette di solito si usa opaco o venato, da abbinare a piacere con qualsiasi altro colore o tonalità di legno. I colori scuri vanno bene per i dettagli soprattutto per la stanza dei teenager, mentre per la cameretta fino agli  8-10 anni si utilizzano toni più vivaci come arancio, verde, rosso e giallo.

Se però volete che la cameretta duri nel tempo non eccedete: gli accostamenti più sobri non passano mai di moda e così non rischierete di sentirvi dire da vostro figlio, dopo pochi anni, qualcosa del tipo: “La cameretta non mi piace, me la cambi?”.

L'IMPORTANZA DELLA LUCE

La luce è vita! Gli ambienti luminosi sono più accoglienti e vivibili e nei casi in cui la stanza risulti buia conviene abbondare con il bianco o usare legni chiari, così da recuperare il massimo della luce possibile.

Sempre per sfruttare al meglio la luce naturale, è preferibile posizionare la scrivania vicino alla finestra.

Infine, per illuminare nel modo migliore anche punti difficili come i letti situati sotto a mobili a ponte, dove non abbiamo interruttori a parete, possiamo sfruttare l’illuminazione a led. I led permettono sia l’accensione touch integrata che di regolare l’intensità della luce, garantendo quindi il massimo della praticità.

 

RICHIEDI UN APPUNTAMENTO